Filosofia e musica positiva

“La filosofia è la musica più grande” (Platone, Fedone)

“La musica è una rivelazione più profonda di ogni saggezza e filosofia” (Ludwig Van Beethoven)

“[…] affermo che, ammesso che si potesse dare una spiegazione della musica, completamente esatta, compiuta e particolareggiata, riprodurre cioè esattamente in concetti ciò che essa esprime, questa sarebbe senz’altro una sufficiente riproduzione e spiegazione del mondo in concetti, oppure qualcosa del tutto simile, e sarebbe così la vera filosofia […]” (Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione)


Basta  leggere  alcune delle citazioni  di filosofi del passato,   per capire  quanto il legame tra musica e filosofia sia stato complesso e vitale nei secoli e sia ancora oggi uno stimolo a feconde e nuove riflessioni. Discipline  che ad un primo sguardo sembrano distanti, sin dalle origini si sono cercate, incontrate e sovrapposte, con frequenti incursioni in entrambi i sensi: i filosofi hanno riflettuto sulla musica e attraverso la musica, i musicisti (e i musicologi) hanno cercato nei pensieri dei filosofi un quadro di riferimento per la propria arte o la propria elaborazione teorica.

Possiamo distinguere due atteggiamenti filosofici fondamentali nei riguardi della musica. C’è infatti un pensiero sulla musica – che mira cioè a definirne natura e significato – e un pensiero che si sviluppa dalla musica, che considera cioè quest’ultima l’apertura di un orizzonte di verità per la comprensione della realtà nel suo complesso.

La musica ha il potere di elevare e liberare l’anima, in questo momento ci è utile in modo particolare per metterci di buon umore, per suscitare in noi emozioni, sensazioni e ricordi positivi.

In queste settimane di isolamento ho pensato di iniziare le mie lezioni di filosofia con delle canzoni. Ho chiesto ai miei allievi  della III A SU di creare una playlist di canzoni che suscitassero in loro belle emozioni e riflessioni, quando avvio la video lezione in sincrono metto una delle canzoni scelte da loro, così mentre passano quei 3-4 muniti in cui accedono alla classe virtuale possiamo ascoltarle e ci auguriamo buon giorno in musica.

Spesso durante le mie lezioni, vi erano citazioni di canzoni, che usavo per dimostrare loro quanto la filosofia fosse in mezzo a noi.
Questo è un modo per iniziare  in allegria e con pensieri positivi la nostra lezione.

Questa è la playlist del nostro buon giorno filosofico in musica.

  1. B.E.  Blinding lights, The weeknd
  2. B.G. More than you know, Axwell Ingrosso
  3. B.N. Dance monkey, Tones and I
  4. C.B. Na Na Na, My chemical romance
  5. C.A. IDGAF, Dua Lipa
  6. C.E. We are young, Fun.
  7. D.S. Physical, Dua Lipa
  8. D.L.C. Happy, Pharrell Williams
  9. G.I. Ringo Starr, Pinguini tattici nucleari
  10. G.L. Arrogante, Irama
  11. K.S. Don’t start now, Dua Lipa
  12. M.F. Summer Paradise, Simple Plan
  13. M.G. All the small things, Blink-182-
  14. N.A. Tikibombom, Levante
  15. R.E. When the sun goes down, Arctic Monkeys
  16. R.S. Flames, David Guetta
  17. S.R. Beautiful People, Ed Sheeran

Prof.ssa Eleonora Buscemi

Docente di Filosofia e Scienze Umane