Tutti in sella

“Sveglia ragazzi! Oggi è sabato ma voi andate a scuola lo stesso!” Il cigolio del cancello della stalla risveglia tutta la famiglia: Alba, la madre, sorveglia con occhio attento le mosse di Dora e Vento, due splendidi esemplari di morgan marrone chiaro.

Alba come tutte le mattine tenta di pettinare la figlia ribelle, mordendole la criniera lunga e crespa e subito Dora protesta scalciando.

Il fratello Vento è il leader del gruppo ed è l’orgoglio di sua madre, che invecchiando gli ha lasciato il suo posto di capo branco.

Surprise, giovane e vanitosa, scuote la testa per mettere in mostra tutta la sua candida bellezza; mi saluta appoggiando il muso sulla mia spalla e dandomi qualche leccatina ai capelli.

E’ sempre contenta di uscire dalla stalla; mi segue fino allo steccato, dove la lego con la lunghina e le do un pezzo di pane, mentre torno in scuderia a prendere il necessario.

E’ il momento della cura e della pulizia. Spazzola di plastica per il corpo e spazzola di ferro per la criniera, spugna morbida per il muso, nettapiedi e grasso per gli zoccoli, districante per la coda.

Dopo la toilette, Surprise è libera! Corre nel campo e mangia l’erba, mentre io ingrasso la sella con il grasso di foca per mantenerla morbida e pulita.

E’ arrivato il momento di montare Alba, che è impaziente; ma prima deve indossare i finimenti: sottosella, agnellino, sella, imboccatura, redini, sottopancia, stinchiera, cuffietta. Anche io mi devo preparare e indosso i pantaloni elasticizzati con rinforzo alle ginocchia, maglia termica, felpa e giacca leggera, calze alte, stivali, cap e guanti.

Sotto la guida di Gabriele, esperto fantino di gare da salto, ripasso con Alba i percorsi da presentare all’esame per ottenere il diploma di istruttrice.

La prova consiste in una parte pratica ed una teorica: nella parte pratica devo dimostrare una corretta postura e il controllo totale del cavallo, nella parte teorica devo sapere tutte le andature e i comportamenti dei cavalli.

Spero di ottenere questo importante titolo perché per me i cavalli sono come degli amici.

Rachele

Articolo coordinato dai docenti del gruppo di inclusione.